Wrestlers sumo rispetto ai bodybuilder

Il tradizionale sport giapponese di sumo ha poco somiglianza con il mondo della competizione di bodybuilding. Mentre entrambi i wrestlers sumo e bodybuilders sono noti per le loro dimensioni massime, un focus esclusivo sulla massa muscolare è unica per bodybuilding. Nonostante i loro differenti fisici, tuttavia, i bodybuilder ei wrestler di sumo condividono alcune somiglianze.

Assunzione calorica

In uno studio del 2005 pubblicato in “Aging Research Review”, John Phelan di UCLA e Michael Rose dell’Università della California Irvine hanno confrontato le assunzioni caloriche e la durata di vita degli atleti maschili e dei nonathletes. Mentre la dieta media maschile contiene circa 2300 calorie al giorno, questi ricercatori hanno trovato che i lottatori sumo mangiarono in media 5.500 calorie al giorno. Questo elevato apporto calorico è simile a quello dei bodybuilders che cercano di massa, o guadagnano massa muscolare. Secondo il dietologo registrato Nancy Clark, è consigliabile aumentare significativamente l’assunzione calorica se si sta massacando. Anche se i loro obiettivi possono essere diversi, i wrestlers di sumo e gli sviluppatori di bodybuilding consumano una quantità di calorie superiore alla media.

Aspettativa di vita

Nonostante gli effetti benefici dell’esercizio fisico regolare, l’aspettativa di vita degli atleti competitivi varia a seconda del loro sport. Phelan e Rose notano che l’elevato apporto calorico giornaliero è legato all’esaurimento di vita ridotto, con il wrestler maschio medio maschio che vive in media di 20 anni meno del maschio medio. Anche se questo può essere dovuto alla percentuale di grassi corporei più alti dei wrestlers di sumo, l’elevato consumo di proteine ​​dei bodybuilder può avere effetti simili sull’aspettativa di vita. Come notato dal Dr. Joel Fuhrman di Disease Proof, le diete ad alta proteina sono associate a aspettative di vita almeno 10 anni più brevi della media nordamericana.

Massa senza grassi

La massa priva di grassi, definita come una combinazione di muscolo scheletrico e massa interna dell’organo, è una misura dello stato nutrizionale utilizzato per predire le prestazioni sportive. In uno studio del 2007 pubblicato in “International Journal of Sports Medicine”, una squadra guidata da Taishi Midorikawa di Tokyo, l’Università Metropolitana del Giappone ha confrontato la massa senza grassi di atleti e nonatleti. Il loro studio ha scoperto che gli atleti, inclusi i lottatori di sumo, avevano molta più massa senza grassi rispetto alle persone non addestrate. Oltre a questi risultati, Midorikawa ei suoi colleghi notano che gli studi passati hanno trovato che i bodybuilder hanno circa 45 libbre. Più massa grassa rispetto ai nonathletes, mentre i wrestlers di sumo hanno più di 65 libbre. Più massa grassa rispetto alle persone non addestrate della stessa altezza.

Ideali culturali

Oltre alle loro somiglianze fisiche e di stile di vita, i lottatori di sumo e bodybuilders condividono ruoli simili nelle rispettive culture. Secondo Helen Gremillion dell’Università di Indiana a Bloomington, i lottatori di sumo sono un riflesso delle tradizioni giapponesi e degli ideali. Nella sua revisione del 2005 pubblicata in “Rassegna annuale dell’antropologia”, Gremillion osserva inoltre che i bodybuilder sono un riflesso degli attuali ideali occidentali di potere. Anche se non crede che la gente mira a questi tipi di corpo per motivi culturali, sostiene che i bodybuilders in North America ei wrestlers di sumo in Giappone riflettono e rappresentano le rispettive culture e tradizioni.