Olio di crusca di riso contro olio di girasole

La pletora di oli da cucina a base di piante oggi sul mercato spesso rende difficile determinare quando usare quale durante la preparazione del pasto. Due di questi oli, olio di crusca di riso e olio di girasole hanno profili nutrizionali simili a 120 calorie e circa 13 grammi di grasso per cucchiaio da tavola. Entrambi gli oli meritano un posto in una dieta sana, ma differiscono per il loro valore nutrizionale.

Sia i girasoli che gli oli di crusca di riso sono naturalmente privi di colesterolo. Secondo la ricerca dell’Università di Rochester del 2005, una componente naturale dell’olio di crusca di riso è stato trovato per abbassare il colesterolo nei ratti. L’olio di girasole offre più grassi monounsaturated per servire – 7,8 grammi per cucchiaio da tavola, rispetto ai 5,3 grammi di olio di girasole. Entrambi gli oli di girasole e di crusca di riso sono bassi in grassi saturi – 1,3 e 2,7 grammi per servire, rispettivamente.

Avete probabilmente sentito parlare di acidi grassi omega-3 e omega-6, i principali acidi grassi essenziali nella dieta umana. Mentre entrambi gli oli contengono elevate quantità di omega-6 acidi grassi, non contengono molti acidi grassi omega-3. Mentre questo non li attraversa dall’elenco come oli efficaci per la cottura, garantisce che controlli quanto spesso – e quanto – mangiate, perché la maggior parte degli americani consuma già troppo omega-6 rispetto alla loro assunzione Omega 3. Usi gli oli ricchi di omega-6 in moderazione e ottenere alcuni dei tuoi grassi alimentari da noci, semi e pesce per ottenere un rapporto omega-6-to-omega-3 più basso nella vostra dieta.

Entrambi gli oli contengono vitamina E. L’olio di girasole è più elevato nella vitamina E rispetto all’olio di crusca di riso – 5,6 milligrammi per cucchiaio o il 37 per cento della dose giornaliera consigliata. Per confrontare, l’olio di crusca di riso contiene 29 per cento del valore giornaliero raccomandato di vitamina E in un cucchiaio da tavola ..

Entrambi gli oli sono migliori per la cottura a temperature più alte attraverso metodi come il friggere o il searing. Con un punto di fumo di 450 gradi F, il sapore leggero dell’olio di girasole lo rende un favorito per la frittura e la cottura – ma non per la pioggerella. Inoltre, può essere parte di margarina e condimenti di insalata. L’olio di crusca di riso è utile anche per la cottura a caldo, ma è leggermente più versatile in quanto può essere utilizzato per piegare e altre applicazioni di cottura.

Acidi grassi saturi e insaturi

Tutto su Omegas

La vitamina E negli oli

Cottura con gli oli