Dolore sternale durante l’esecuzione

Lo sterno, comunemente indicato come il petto, è un lungo e piatto osso al centro del petto. Lo sterno è collegato alle ossa di costolette dalla cartilagine. La sua funzione primaria è quella di proteggere i vostri polmoni, cuore e vasi sanguigni importanti. Se stai vivendo dolori in questa zona durante l’esecuzione, un certo numero di possibilità possono rappresentare il tuo disagio, incluse le condizioni relative al tuo cuore.

Disturbo gastrointestinale

Il dolore toracico causato da problemi gastrointestinali è comune tra gli atleti. Secondo la Rice University, la corsa causa più sintomi GI rispetto a nuoto e bicicletta. Inoltre, fino al 50 per cento dei corridori e dei triathletes di maratone sperimentano un certo tipo di disturbo gastrointestinale. La malattia da reflusso gastroesofageo, o GERD, e disturbi digestivi rappresentano circa il 30 per cento del dolore toracico non cardiaco negli atleti ad alte prestazioni, secondo “Sports Cardiology Essentials”, curato da Christine E. Lawless. Gas, esofagite, reflusso acido e bruciori di stomaco possono provocare gonfiore e provocare dolori al petto. I sintomi includono dolore allo sternum, nausea, diarrea e crampi. Prolungare l’esercizio fisico, la disidratazione, l’uso della bevanda sportiva e l’integrazione proteica, tutti comuni nei corridori, sono stati legati a sintomi GI.

Infiammazione

Costochondritis è una condizione causata da infiammazione della cartilagine nello sterno. Mentre questa condizione è innocua, i sintomi, che includono dolore toracico doloroso, tenerezza, disagio respirando pesanti o difficoltà respiratorie, sono simili a un attacco cardiaco e ad altre condizioni cardiache. Quando il costochondrito è accompagnato da gonfiore, è conosciuto come la sindrome di Tietze. Non vi è alcuna causa nota per questo dolore alla parete toracica, ma secondo la Clinica Mayo, una lesione traumatica, malattie respiratorie superiori, un’infezione o disturbi del dolore cronico possono essere legati alla condizione.

Diagnostica del dolore toracico

Circa il 2 per cento delle visite mediche ambulatoriali ogni anno sono imputabili al dolore toracico. Spesso, la causa è correlata non cardiologica. Per essere sul sicuro, tuttavia, il medico sarà tenuto a fare un esame approfondito in modo che non trascurare una condizione grave come la sindrome coronarica acuta, la polmonite o un coagulo di sangue. Secondo il medico di famiglia americano, la maggior parte dei pazienti con dolore toracico dovrebbe avere un raggi X toracico e un elettrocardiogramma. La febbre e un suono crepitante nei polmoni potrebbero indicare la polmonite. Se il dolore è accompagnato da mancanza di respiro, si può avere un evento cardiaco. Se il tuo disagio è facilmente esacerbato palpitando il petto, la causa è probabilmente un problema muscolo-scheletrico piuttosto che una restrizione dei vasi sanguigni. Dal momento che il dolore toracico è stato collegato a disturbi di panico, il medico può chiedere una serie di domande che fanno parte di una valutazione della salute mentale.

Trattamento

La maggior parte dei dolori toracici non cardiaci legati a un problema muscolo-scheletrico possono essere trattati con ghiaccio, riposo e farmaci anti-infiammatori non steroidei, come ibuprofene e naproxen. Antidepressivi triciclici e rilassanti muscolari sono stati utilizzati con successo nel trattamento del costochondritis. Mentre potrebbe essere necessario ridurre l’intensità delle tue corse, finché il dolore è tollerabile, dovresti essere in grado di continuare a eseguire. I corridori con cause cardiache di dolore toracico devono rivolgersi al medico nel più breve tempo possibile. Gli esperti riferiscono che può essere straordinariamente difficile distinguere la bruciatura del cuore, il dolore al torace e un autentico attacco cardiaco. I sintomi di un grave evento cardiaco sono pressioni improvvise o dolori di stringimento al centro del petto che dura più di qualche minuto, dolore che si diffonde alla schiena, alle mascelle, alle braccia o alle spalle, al disagio del torace e al respiro corto; E la pressione nel petto durante l’attività fisica.